chiamatemi anna

Anna dai capelli rossi: la serie tv arriva in chiaro su Rai 2

“Chiamatemi Anna”, trasposizione del romanzo di Lucy Maud Montgomery, in onda dal 6 luglio nel palinsesto pomeridiano della seconda rete Rai.

Un personaggio senza tempo, amato da milioni di persone in tutto il mondo, si appresta a tornare in tv con una serie che ha già ottenuto un grande successo internazionale sulla piattaforma Netflix. È Anna Shirley, protagonista del romanzo per ragazzi “Anne of Green Gables”, pubblicato nel 1908 da Lucy Maud Montgomery. La più recente trasposizione “Chiamatemi Anna” (in originale “Anne with an E”) andrà in chiaro su Rai2 dal lunedì al venerdì alle 15.25, con una puntata al giorno. L’episodio pilota, di durata doppia rispetto a tutti gli altri, sarà anticipato alle 15.15 del 6 luglio, data dell’atteso debutto.

La serie (all’inizio intitolata semplicemente “Anne” per la sua prima stagione) è una co-produzione della tv pubblica canadese CBC con Netflix, che la distribuisce in streaming tra i suoi contenuti originali. Sono state realizzate tre stagioni, ma, nonostante le pressanti richieste dei fan, non è prevista un’ulteriore quarta stagione. Gli episodi totali sono 27: 7 per la prima stagione, 10 per le successive due. La prima messa in onda sulla CBC è avvenuta il 19 marzo 2017, mentre l’arrivo su Netflix è datato al 12 maggio dello stesso anno. La terza e ultima stagione è stata diffusa tra il 22 settembre e il 24 novembre 2019.

La storia del romanzo, che tutti abbiamo conosciuto negli anni 80 grazie al cartone animato prodotto dalla Nippon Animation, è stata adattata per la tv da Moira Walley-Beckett, che ha centrato l’attenzione su tematiche attuali quali bullismo, razzismo, femminismo e omosessualità. Nel cast troviamo la giovane Amybeth McNulty nei panni della protagonista, mentre Geraldine James e R.H. Thomson interpretano rispettivamente Marilla e Matthew Cuthbert. Tra gli altri attori, Dalila Bela è Diana Barry, Lucas Jade Zumann è Gilbert Blythe.

L’anime del 1979 fu lanciato in Italia sulla Rete 1 il 20 ottobre 1980 nel programma “3,2,1… contatto!”. Negli anni 90 fu riproposto più volte su Rai2 nei contenitori di cartoni della mattina, ma fece un’apparizione anche all’interno di “Solletico” su Rai1. Dal 2004 viene periodicamente replicato su Italia1, registrando sempre buoni ascolti. La regia è del grande Isao Takahata, ma fu coinvolto marginalmente anche Hayao Miyazaki, che realizzò gli sfondi fino al quindicesimo episodio, prima di abbandonare il compito, annoiato dal personaggio di Anna, per dedicarsi al suo primo lungometraggio da regista, “Lupin III – Il castello di Cagliostro”.

anna dai capelli rossi anime

Tra il 2016 e il 2017 in Canada sono stati prodotti tre film per la tv sulle vicende di Anna Shirley, interpretata in questo caso da Ella Ballentine. In Italia li abbiamo visti in prima visione su Rai1 dal 25 al 27 dicembre 2018, nella fascia di seconda serata. Molti ricorderanno, inoltre, la miniserie in due puntate del 1985 con Megan Follows, ancora una volta di produzione canadese, da noi divisa in 9 episodi da 25 minuti e trasmessa di pomeriggio su Rai1 a partire dal 18 settembre 1989.

Tutti i numerosi adattamenti realizzati dal romanzo di Lucy Maud Montgomery hanno sempre ottenuto un largo successo di pubblico, confermando ogni volta il fascino intramontabile di una storia che sa parlare al cuore delle persone e che ha toccato le corde della commozione di più di una generazione. Ulteriore dimostrazione ne è l’ampia comunità di giovani fan creatasi intorno a “Chiamatemi Anna”, insorta sul web per la cancellazione della serie, che con il finale della terza stagione non è arrivata al termine del romanzo e che avrebbe potuto svilupparsi oltre seguendo gli altri libri della saga.

Fonti consultate: Dituttounpop, Wikipedia.

Immagine di copertina: © CBC/Netflix.
Immagine interna: © Nippon Animation Co., Ltd.

© Riproduzione riservata

Un commento su “Anna dai capelli rossi: la serie tv arriva in chiaro su Rai 2

  1. Donatella scrive:
    Avatar

    Conosciamo questa storia, manca l’ultima serie, la morte di Matthew e il ritorno di Anna dall’università, che su Netflix non è stato possibile.

Lascia un tuo commento